Afferra al collo la sorella, 31enne di Potenza arrestato dai carabinieri

POTENZA- Un 31enne di Potenza è stato arrestato dai carabinieri, ritenuto responsabile di maltrattamenti contro familiari, violenza e resistenza a un Pubblico Ufficiale. Giovedì scorso, intorno alle 22.45, è giunta una chiamata al 112 e segnalata a l’aggressione, tra le mura domestiche, di un uomo nei confronti delle due sorelle conviventi, di 24 e 33 anni. I militari, appena giunti, hanno trovato in casa l’uomo, in forte stato di agitazione psicofisica, mentre stava afferrando per il collo una delle due sorelle, la 24enne, alla presenza della madre, 57enne, e dell’altra germana. Nel tentativo di fermare l’aggressione i carabinieri hanno dapprima allontanato l’individuo dalla vittima e, poi, cercato di calmarlo, sebbene, in risposta, opponendo viva resistenza, ha inizialmente reagito minacciandoli verbalmente e, subito dopo, colpiti con gomitate e pugni.

La prontezza operativa dei Carabinieri, però, ha permesso, con non poche difficoltà, di bloccare il ragazzo e ristabilire la calma all’interno dell’abitazione, consentendo, successivamente, di far intervenire i soccorritori del “118” al fine di poter visitare le donne, le quali, a seguito delle lesioni patite, sono state giudicate guaribili, entrambe, in alcuni giorni. Il 31enne è stato arrestato ed associato alla Casa Circondariale di Matera. I carabinieri ricordano che come pure stabilito dalle modifiche normative che hanno interessato lo specifico settore, generalmente racchiuse nel termine “Codice Rosso”, i Carabinieri, in accordo con l’Autorità Giudiziaria, potrebbero adottare celermente specifiche ulteriori misure a protezione e sostegno delle vittime di tali gravi condotte delittuose.