Agricoltura, riecco la “guerra del grano”. Danni e incendi nel Melfese

MELFI- Il timore, e non solo quello, visto quanto accaduto negli ultimi tempi, che una nuova “guerra della paglia” sia in corso.

E quella sensazione, ancora peggiore, di sentirsi soli. E’ quanto denuncia Donato Montanarella, proprietario di un’azienda agricola a San Nicola di Melfi e presidente della locale sezione della Coldiretti. E il suo, soprattutto, è un messaggio alle istituzioni e alle autorità competenti. Perché, sottolinea, «ci sentiamo abbandonati».

Parla a nome degli imprenditori agricoli della zona Montanarella. E lo dice chiaramente: «Abbiamo bisogno di essere tutelati». Il Vulture-Melfese, infatti, già negli anni scorsi è stato interessato da vari episodi dovuti dalla nascita sul territorio di un vero e proprio monopolio nel settore, monopolio che ha dato il nome alla cosiddetta “guerra della paglia” per controllarne raccolta e commercio. Ma negli ultimi mesi la sensazione è che sia in corso una nuova escalation. L’ultimo episodio è avvenuto pochi giorni fa, nella notte tra il 13 e il 14 giugno, e ha interessato proprio l’imprenditore. Montanarella infatti, in questo periodo, dopo la trebbiatura del grano, cura personalmente l’imballaggio della paglia nei terreni di sua proprietà e in altri che invece gestisce. Ma ignoti, nel cuore della notte, sono entrati in alcuni possedimenti tagliando le reti che assicurano l’avvolgimento e la raccolta della paglia, rendendo le balle di fatto inservibili.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”