All’ospedale di Tinchi i macchinari per l’accertamento delle tossicodipendenze

TINCHI – Saranno allocate a Tinchi le strumentazioni adatte per le analisi e l’accertamento dello stato di tossicodipendenze. E’ quanto ha comunicato il direttore generale dell’Asm, Gaetano Annese. Le apparecchiature sono momentaneamente allocate presso il laboratorio di tossicologia forense del dipartimento di Medicina Legale del Policlinico di Bari. Tra la strumentazione si segnala la presenza del “gascromatografo”, apparecchio utilizzato per eseguire gli esami tossicologici indicati dalle autorità giudiziarie. Da un sopralluogo è stata individuato, come luogo idoneo all’installazione delle strumentazioni proprio l’ospedale di Tinchi per la sua posizione baricentrica nell’area territoriale di riferimento dell’Asm. Gli esami verranno eseguiti dal dottor Pio Niccolò Onorati, specializzato Tossicologia, insieme ad un tecnico di laboratorio. Intanto in attesa dello spostamento dei macchinari, previsto entro il primo febbraio, il Comitato difesa Ospedale di Tinchi chiede la riattivazione dell’isocinetica e del breath test.