Amministrative, primi segnali di un’alleanza Pd-M5S a Matera

 

MATERA- La verità la dirà il tempo, ovvero cosa accadrà da qui ai prossimi mesi. Sta di fatto che, in vista delle elezioni comunali a Matera della prossima primavera, nel Movimento 5 stelle lucano la spaccatura ormai è plateale. L’alleanza con il Partito democratico per dar vita al Conte bis ha infatti aperto una breccia che, da Roma, sembra possa allargarsi a tutto il Paese. Ma le aperture ad alleanze locali, magari “mascherate” di civismo, creano subbuglio, non soltanto nella base. Nei giorni scorsi infatti, rispetto ad ipotesi di stampa che immaginavano una riedizione dell’alleanza nazionale anche in chiave materana, con tanto di ballon d’essai lanciato da Cifarelli, sia il consigliere comunale ed ex candidato sindaco della città dei Sassi, Antonio Materdomini, che il consigliere regionale Gianni Perrino, sono saltati dalla sedia: mai e poi mai, a voler sintetizzare la loro risposta. «Alle elezioni comunali della nostra città – hanno affermato – ci presenteremo con la nostra idea di comunità e senza alcuna possibilità di intese con il Pd locale». E ancora. «L’eventuale accordo nazionale di governo – hanno aggiunto – non vincola le amministrazioni locali a fasciarsi la testa con esecutivi in condivisione con chi ha un’idea di città diametralmente opposta alla nostra. Nessuna intesa con chi viene fuori da oramai 5 anni di amministrazione fallimentare, nella quale sono entrati a dispetto della stessa volontà dei materani, con la complicità del centro destra». Dunque, un’ipotesi da «cassare». Per «evitare del tutto il rischio – hanno continuato anche riferendosi all’amministrazione De Ruggieri – che ci siano tentativi sia di confondere i materani che di trascinarci indirettamente dentro questa giunta macedonia che ha indecorosamente amministrato Matera in questi anni e dalla quale siamo stati gli unici tra le forze politiche di Matera a prendere e soprattutto mantenere le distanze da qualsiasi legame con il “sistema Basilicata”, nel quale entra di diritto anche il centrodestra che ha assecondato, con la sua sterile e inconsistente opposizione di questi anni, lo scempio che tutti abbiamo sotto gli occhi». «A breve presenteremo ai materani il nostro “Progetto Città” – hanno continuato – che sarà in discontinuità totale con il passato e con il contributo di tanti cittadini, professionisti e associazioni».

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”