Assegno di inclusione a rischio per molti lucani. Un centinaio i nuclei familiari a secco per il mese di maggio e forse giugno

Assegno di inclusione a rischio per molti lucani. Un centinaio i nuclei familiari a secco per il mese di maggio e forse giugno
Assegno di inclusione a rischio per molti lucani. Un centinaio i nuclei familiari a secco per il mese di maggio e forse giugno
Assegno di inclusione a rischio per molti lucani. Un centinaio i nuclei familiari a secco per il mese di maggio e forse giugno

POTENZA – Per alcune centinaia di nuclei familiari lucani beneficiari dell’Assegno di inclusione – sul totale che sfiora le 4 mila unità – con il pagamento della mensilità di maggio l’amara sorpresa della sospensione dell’assegno.

L’Inps spiega che rischiano di vedere sospeso l’assegno di inclusione anche per giugno coloro che – trascorsi i 120 giorni previsti dopo aver stipulato il Patto di attivazione digitale – non si siano presentati all’incontro al primo appuntamento con i servizi sociali.

Inoltre, si prevede la sospensione del beneficio anche per coloro che non hanno presentato l’Isee rinnovato prima del 29 febbraio. I pagamenti riprenderanno non appena si terrà l’incontro con i servizi sociali nel primo caso e sarà regolarizzata la posizione con l’Isee nel secondo.

L’incontro con i servizi sociali è obbligatorio per tutti i componenti del nucleo familiare tra i 18 e i 59 anni, attivabili al lavoro, con obbligo di partecipazione al Percorso personalizzato di inclusione sociale e lavorativa previsto dal Decreto Lavoro. Secondo i dati dell’Inps a un mese dall’entrata in vigore, l’adi ha raggiunto 480mila nuclei familiari, a fronte di una platea potenziale di 737mila. Nella nostra regione, i nuclei familiari percettori del Reddito di Cittadinanza al 2023 si sono assottigliati a 5302 per un totale di 11.651 persone rispetto ai 16.591 nuclei familiari del 2019.Una platea ridimensionata per effetto delle nuove norme decise dal Governo meloni. Un migliaio invece i nuclei che hanno ottenuto la Pensione di Cittadinanza per 456 euro al mese in media.

Leggi anche:

Cresce la dipendenza patologica in Basilicata: in tre anni salito del 9% il numero degli utenti registrati nei Ser D