Basentana, già ferma la messa in sicurezza. I cittadini scrivono a Mattarella

SALANDRA- Con un comunicato stampa Anas annuncia il mancato avvio e la sospensione in via cautelare del contratto che si riferisce alla cantierizzazione del tratto della Basentana compreso nel primo di lotti rientranti nel cronoprogramma redatto in prefettura a maggio 2018. Per questo che l’associazione Ipazia ha deciso di scrivere direttamente al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e porre all’attenzione del capo dello Stato una situazione «che deve essere affrontata e risolta quanto prima». «La mancata cantierizzazione già da fine agosto lasciava presagire questo tipo di situazione – afferma la presidente Teresa Russo -. Ad avallare queste ipotesi una notizia circolata in estate da cui è stato possibile apprendere che uno dei motivi che in qualche maniera, potevano segnare il mancato avvio dei lavori era la localizzazione dell’area in oggetto quale di interesse bellico durante la seconda guerra mondiale e, quindi, la possibile presenza di ordigni bellici.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”