Bella, da area degradata a sito educativo: il progetto del Comune per una nuova scuola per l’Infanzia

BELLA – Una nuova scuola per l’Infanzia a Bella, una scuola a misura di bambino, per tutti e di tutti i bambini più piccoli, pensata per accoglierli e garantire loro quel benessere scolastico negato da quando l’edificio di Via Gandhi fu dichiarato inagibile e la scuola dell’infanzia fu trasferita presso il plesso Mario del Monte.

E’ quanto annunciato dall’amministrazione comunale di Bella, nella fattispecie dal sindaco Leonardo Sabato e dall’assessore all’Istruzione nonché vicesindaca Angela Carlucci, i quali hanno così messo in campo un altro progetto per l’infanzia, la fase più preziosa e delicata per l’educazione dei bambini, un altro progetto che punta al futuro e che investe sul futuro delle nuove generazioni. Con delibera di Giunta Comunale n. 30 del 22/03/2021, infatti, è stato approvato il progetto di fattibilità tecnica ed economica, nell’ambito della Strategia Nazionale dell’Area Interna del Marmo Platano approvata dal Dipartimento per le Politiche di Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel dicembre 2020, per la realizzazione di un nuovo edificio per la scuola dell’Infanzia, in un’area di proprietà del Comune quale l’area “Curatella”. Una scelta spiegata dall’impossibilità di recuperare l’edificio di Via Gandhi dichiarato, appunto, inagibile qualche anno fa e successivamente risultato non più recuperabile, neanche attraverso un intervento di demolizione e ricostruzione, poiché la struttura insiste su un’area sismica a pericolosità elevata (zona R4) come da perimetrazione del Pai. Cosicché, l’attuale area degradata ed in stato di abbandono dell’area Curatella, farà posto ad un edificio scolastico all’avanguardia, ecosostenibile, funzionale alle attività educative e soprattutto sicuro: un edificio su un unico livello e con una superficie in pianta di circa 600 mq. L’edificio si articolerà in due ali: la prima ospiterà la scuola materna, con tre classi per gli alunni di fascia di età dai tre ai cinque anni, mentre la seconda ospiterà la sezione primavera ed il locale mensa. Le due ali dell’edificio saranno collegate da un ampio spazio distributivo e dai locali destinati agli insegnanti e agli operatori scolastici.Sulla base del parametro di 1,8 mq/alunno, le aule saranno in grado di ospitare 24/25 alunni della scuola della scuola materna e 18 alunni della sezione primavera, per una capienza complessiva di 90 alunni.