Calcio. Il Potenza sprofonda, Caiata sbotta: “Finisce qua”

Doveva essere la partita della svolta, Potenza-Viterbese, invece, si trasforma in una sorta di psicodramma per i rossoblù. Una nuova clamorosa sconfitta, una folle rimonta subìta da 2-0 a 2-3, e patron Caiata che annuncia decisioni clamorose al termine di una gara capace di frantumare ogni certezza. Eppure era iniziata bene col Potenza in vantaggio al 14′ con la miglior azione mai vista in questa stagione. Fallo laterale, sei passaggi consecutivi e il tocco smarcante di Compagnon per Cianci che si conferma cecchino infallibile. La superiotà rossoblù si concretizza sul corner successivo: battuta tesa di Ricci, Cianci sbuca sul secondo palo, il salvataggio di Urso è tardivo. Doppietta per il bomber rossoblù e decima perla in campionato. Nella ripresa cambia il vento. In cinque minuti Mbende fa doppietta. Prima va in cielo, Marcone ha i guanti viscidi, palla nel sacco: 2-1. Ancora un corner di Urso, Mbende sovrasta chiunque, stavolta la conclusione è imparabile, clamoroso pari della Viterbese.

Ma quando la gara sembrava incanalata sul pari ecco l’harakiri completo. Il contropiede della Viterbese è devastante nel recupero. La conclusione di Simonelli è una sentenza: 2-3 e classifica sempre più pericolante per i rossoblù. Ma dopo il fischio finale è pesante lo sfogo di Caiata, aggredito verbalmente sui social e nei pressi dell’auto. “Per me l’esperienza finisce qua. La squadra è qui venitevela a prendere”. Queste le amare parole del patron rossoblù poco dopo il fischio finale.