Carlucci-Giorgetti, non è finita: nuovo ricorso al Tar per il posto in Consiglio regionale

POTENZA – L’avvicendamento (tra le polemiche) della scorsa settimana in Consiglio regionale sembrava aver scritto la parola fine sulla “querelle” per il posto tra i banchi del parlamentino lucano tra Gino Giorgetti e Carmela Carlucci (nell’ambito del seggio assegnato al M5s dopo le Politiche del 2019), ma a quanto pare la battaglia a colpi di ricorsi e controricorsi davanti alla giustizia amministrativa sembra destinata a proseguire. Dopo la riammissione in Consiglio regionale di Gino Giorgetti in forza di una recente sentenza del Consiglio di Stato, Carmela Carlucci ha, infatti, deciso di impugnare davanti al Tar di Basilicata il verbale attraverso il quale l’Ufficio Centrale Regionale presso la Corte d’Appello di Potenza ha preso atto e dato esecuzione alla sentenza del Consiglio di Stato con la correzione del risultato elettorale in favore di Gino Giorgetti, ovvero il passaggio formale che ha preceduto il rientro di Giorgetti tra gli scranni di viale Verrastro.

Una “querelle”, lo ricordiamo, non più interna al Movimento 5 Stelle, dal momento che la scorsa settimana al suo ritorno in Consiglio, Gino Giorgetti aveva subito ufficializzato l’addio polemico ai grillini spostandosi nel Gruppo Misto e sottolineando di essere pronto a valutare punto su punto l’azione del governo regionale per poi decidere se e quali progetti sposare, condividere e sostenere. Inizialmente, lo ricordiamo, a prendere il seggio spettante al M5s era stato proprio Gino Giorgetti, ma dopo i primi ricorsi avanzati da Carmela Carlucci era avvenuto l’avvicendamento che aveva chiesto e ottenuto il riconteggio delle preferenze ottenute in un seggio di Rionero in Vulture. Nelle scorse settimane, poi, un ulteriore verdetto dell’organo supremo della giustizia amministrativa, aveva nuovamente capovolto il verdetto, sancendo il ritorno in Consiglio regionale di Gino Giorgetti. Ora, ad un anno e mezzo dal termine della consiliatura, inizia una nuova puntata della telenovela giuridica amministrativa: resta da capire se, e come, il Tar potrà nuovamente entrare nel merito di una vicenda già passata più volte al vaglio della giustizia amministrativa.