Cave, Melfi dice no: “Area incompatibile. La Regione cancelli la Via”

MELFI – “L’area di Monte Crugname è incompatibile con una Cava”. E’ questo il contenuto di una delibera della Giunta Valvano approvata ieri sera che ne spiega le ragioni e dà mandato al sindaco di chiedere alla Regione Basilicata di cancellare il procedimento di Via, al Commissario del Parco del Vulture di convocare una specifica assemblea ed all’area Affari Legali del Comune di predisporre il ricorso al Tar.

“In via preliminare si evidenzia la particolarità della fase finale del procedimento – ha detto il sindaco Livio Valvano – imprevedibilmente concluso nel pieno della emergenza sanitaria Covid-19, nonostante la speciale disciplina normativa contenuta nel Dl n.18/2020 sulla sospensione dei termini per tutti i procedimenti amministrativi.

Particolarità che ha portato a concludere il procedimento in uno dei periodi più difficili per l’intero Paese. Non per polemica ma per avere un riferimento di paragone, analoga efficienza non la si riscontra per il procedimento relativo alla procedura di bonifica del sito inquinato dell’inceneritore di Melfi (ex Fenice), dove, fra l’altro, vi sarebbero motivi di evidente urgenza determinati dalla riscontrata presenza di ulteriori inquinanti.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”