Centrodestra, Lega-Fi: sintesi a metà strada

POTENZA – Alla fine Lega e Forza Italia si sono incontrati a metà strada. E le tensioni degli scorsi giorni, almeno per il momento, lasciano spazio ad una ritrovata sintonia. Per quanto sia possibile.

Il centrodestra è tornato in aula ieri mostrando compattezza. Via la proposta di legge inizialmente messa sul tavolo dai salviniani, è stata tirata fuori dai cassetti una mozione.

Improntata, come è noto, sul delegare la giunta regionale a sospendere il raddoppio del canone, per l’anno in corso, che i concessionari di coltivazione di acque minerali versano alla Regione. Il tutto, spiegato con l’intento di far “respirare” le aziende colpite dalla crisi economica post Covid. Nessuna “assenza” sospetta tra i banchi della maggioranza, come pure era capitato nelle ultime due sedute. Gli unici non presenti, a inizio seduta, Cupparo, Fanelli, Rosa e Bardi (al tavolo con Total), al quale in apertura dei lavori Cifarelli ha rivolto un invito piuttosto esplicito, commentando la querelle tutta interna alle forze avversarie, prima di abbandonare l’aula per non “reggere il sacco alla maggioranza”.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”