Centrosinistra, Speranza prova a “ricostruire” la sinistra

POTENZA- Ricostruire la sinistra. Partendo da quello che è rimasto dopo la batosta del 4 marzo. Con un obiettivo: non lasciare il Paese alla destra. Roberto Speranza, dopo la fine anticipata di Leu, prova a dar vita a un nuovo percorso politico. “Ricostruzione” lo chiama. E ieri erano in tanti all’Auditorium Antonianum a Roma. «È stato un errore storico aver favorito la saldatura tra Lega e Cinque stelle – ha detto -». Perché «oggi il quadro lo vediamo tutti con chiarezza. La Lega sta egemonizzando i 5 stelle sempre più relegati al ruolo di servo sciocco». Quindi la volontà di «lavorare per costruire quell’alternativa che ancora manca». «Dobbiamo coltivare un orizzonte politico di alternativa alle destre. Questa è la nostra priorità – ha detto Speranza -. Non possiamo rassegnarci all’idea che Salvini sia il dominus della politica italiana per i prossimi anni. Per farlo serve un pensiero nuovo, come ho già detto, e serve un’iniziativa politica forte. Un’iniziativa della sinistra nei confronti del Movimento 5 Stelle come ho provato ad indicare e un’iniziativa politica anche verso il Partito democratico che è ormai alla fine del suo ciclo storico».

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”