Cig, permessi retribuiti, congedi e bonus baby sitter: il governo vara il maxi-decreto “Cura Italia”

POTENZA – Il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto contenente le misure economiche per fronteggiare l’emergenza Coronavirus.

Un provvedimento, denominato decreto Cura Italia, che ha lo scopo di potenziare il sistema sanitario nazionale e sostenere le famiglie, i lavoratori e le imprese italiane colpite dall’emergenza da Covid-19.

Con un investimento immediato da 25 miliardi di euro e flussi per 350 miliardi, tanto da portare il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, a parlare di una “manovra poderosa”. Tra le misure principali ci sono i finanziamenti aggiuntivi per il sistema sanitario, gli incentivi per la produzione e la fornitura di dispositivi medici come, per esempio, le mascherine, la possibilità per la Protezione Civile di requisire presidi sanitari e beni, come gli alberghi, per fronteggiare l’epidemia. Ma anche tanti interventi in favore di famiglie, lavoratori e imprese. Il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha spiegato che il decreto si basa su 5 assi principali: il sistema sanitario (3,5 miliardi), il sostegno all’occupazione e ai lavoratori (10 miliardi), la liquidità del sistema del credito, la sospensione degli obblighi di versamento, il sostegno aggiuntivo a tutti gli altri settori colpiti. A quello di marzo seguirà anche un decreto di aprile, come assicurato dal governo. Andiamo a vedere le principali misure previste dal provvedimento varato oggi.