Confcommercio, a Matera 57 unità in più. A Potenza 59 in meno nel primo trimestre

POTENZA- Le iscrizioni e le cessazioni di imprese nel primo trimestre del 2019 confermano una tendenza del sistema delle imprese nella nostra regione “a due velocità” con la provincia di Matera che segna più 57 unità e quella di Potenza meno 59 unità. A riferirlo è il Centro Studi Confcommercio Imprese Italia Potenza che ha rielaborato su scala regionale e provinciale i dati di un rapporto della Camera di Commercio di Milano. Questi i dati in dettaglio: a Matera le imprese nuove iscritte tra gennaio e marzo sono state 386 di cui 116 di giovani, 108 di donne e 25 di stranieri; a Potenza le “matricole” dei primi 90 giorni del 2019 sono 565 di cui 171 di donne, 170 di giovani e 23 di stranieri. Gli elementi più incoraggianti sono da ricercare nella voglia di fare impresa – sottolinea Confcommercio – tra i giovani e le donne. Il peso di donne e di giovani sulle nuove ditte iscritte è del 30 per cento, tra i più alti riscontrati a livello nazionale. Quanto alle attività prescelte, l’agricoltura occupa il primo posto (205 imprese a livello regionale), seguito dal commercio (160) che si conferma il comparto più attrattivo per i neo-imprenditori soprattutto delle giovani generazioni e delle donne. Ancora tra i comparti preferiti le costruzioni (75 imprese), attività professionali (47), ristorazione e servizi alimentari (45).

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”