Coronavirus, altre tre vittime in Basilicata A perdere la vita anche un 36enne di Pisticci. 364 i nuovi contagi

POTENZA – La Basilicata continua a piangere vittime del Covid. Nelle ultime 24 ore ancora tre i morti. Tra questi, anche un ragazzo di 36 anni di Pisticci, che si trovava nel reparto di Pneumologia al “Madonna delle Grazie di Matera. Le altre vittime sono due ultraottantenni di Bella e Scanzano Jonico, che erano ricoverati rispettivamente negli ospedali di Potenza e della Città dei Sassi.

I ricoveri nelle strutture ospedaliere lucane sono 105. Sul fronte contagi sono 364 i nuovi casi registrati su 1.725 tamponi effettuati. Il tasso di positività è ora al 21,10%. 355 i guariti. I casi attuali tra i residenti sono 29.568

MULTE AI NO VACCINATI – In queste settimane migliaia di cittadini che non hanno ottemperato all’obbligo vaccinale hanno ricevuto dall’Agenzia delle Entrate la comunicazione di avvio di procedimento sanzionatorio. La multa, pari a 100 euro, è stata erroneamente trasmessa anche a persone che sono in regola con quanto previsto dalla normativa vigente. Nella maggior parte dei casi si tratta di utenti di età superiore ai 50 anni che hanno contratto il Covid a fine 2020 e a cui, al momento, sono state somministrate solo due dosi o che, essendo stati contagiati prima del booster, sono stati costretti a posticipare la somministrazione della terza dose successivamente all’entrata in vigore dell’obbligo vaccinale per gli over 50.

Federconsumatori ricorda che i cittadini hanno 10 giorni di tempo dalla ricezione della comunicazione per inviare alle Asl i certificati che attestino la condizione di esenzione dall’obbligo vaccinale o la propria regolarità rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente. Le Asl, a loro volta, avranno ulteriori 10 giorni per verificare la validità della documentazione. Sempre entro 10 giorni dalla consegna dell’avviso, l’utente deve comunicare all’Agenzia delle Entrate di aver trasmesso alla Asl la documentazione. Al momento tale operazione – ricorda Federconsumatori . può essere effettuata SOLO sul sito web dell’Agenzia delle Entrate