Coronavirus, altri cento tamponi a Tricarico: “Mascherine 24 ore sue 24”

TRICARICO – Un nuovo focolaio dai contorni ancora indefiniti ha fatto scattare l’allerta nel comune di Tricarico.

Otto le persone affette da Covid 19. Un cluster individuato al rientro di un ragazzo dalla vacanza trascorsa in Croazia. Fin qui, però non ci sono stati contagi esterni alla cerchia familiare.

Il ventenne aveva scelto come meta estiva l’isola di Pag, località low cost ideale per i giovani che amano il mare e la movida. Dove hanno contratto il virus già decine e decine di suoi coetanei: soltanto dieci i casi di rientro conteggiati nel Comasco e nel Pavese in questi giorni. Una storia che dà credito alla tesi secondo cui, almeno per questa stagione, sia preferibile evitare viaggi all’estero. Intanto, Tricarico si ritrova a fronteggiare una nuova emergenza dopo il mese trascorso a cavallo di marzo e aprile in modalità “zona rossa”. Allora fu il focolaio del Don Gnocchi la causa scatenante: una quarantina di contagi che spinsero il governatore Bardi a optare per la chiusura del comune della collina materana. Alla luce di quella terribile esperienza, il primo cittadino Vincenzo Carbone si augura ora che le positività “restino circoscritte al nucleo familiare”. Nel frattempo è stata ricostruita minuziosamente la nuova filiera dei contatti avuti dai quattro cittadini residenti in Toscana e i tre lucani, tutti asintomatici.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo