Coronavirus, due mascherine per medico di famiglia. “E allora si fanno visite solo su prenotazione”

POTENZA – Due mascherine Ffp2 (funzionali alla limitazione virale) per ogni medico di famiglia sono state consegnate da ieri presso l’Azienda Sanitaria di Potenza.

Ma la goccia che ha fatto traboccare il vaso della protesta dei camici bianchi è la lettera che ha preceduto la consegna inviata dalla sezione Farmacologia Clinica della stessa Asp con l’avvertenza: “se ne raccomanda l’utilizzo appropriato”.

E’ bastato per far scattare la decisione di buona parte dei medici di famiglia del capoluogo di prevedere visite di pazienti assistiti “solo dopo prenotazione telefonica” come per la compilazione delle ricette. La situazione per quanti hanno bisogno del medico, sopratutto anziani e malati cronici, sta diventando difficile. Del resto la morte di Roberto Stella, medico di famiglia a Varese dopo aver contratto il coronavirus ,insieme alla diffusione del dato da parte della Fimmg relativo a circa 150 medici di famiglia in quarantena, in isolamento o ricoverati, in diverse province italiane, hanno fatto da detonatore.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Arturo Giglio