Coronavirus, Google “inchioda” i lucani. Più uscite al parco rispetto alla media

POTENZA- A giudicare dai dati, le risposte ai due interrogativi iniziali dovrebbero essere rispettivamente sì e no.

I lucani stanno rispettando o meno le misure adottate dal governo? E ancora. Ne servono altre più restrittive? Il cosiddetto “Covid-19 Community Mobility report” stilato da Google fornisce informazioni accurate sui comportamenti adottati dalle persone in 131 Paesi dal 26 febbraio scorso ad oggi, in questo periodo di “lockdown”.

Uno studio realizzato in rete sulla base dei dati prodotti dai nostri smartphone per mappare i nostri spostamenti e rilevare eventuali assembramenti, per segnalarli alle autorità sanitarie impegnate in prima linea in questa emergenza, pronte, nel caso, a disporre nuovi provvedimenti. Rispetto ai dati nazionali, i nostri sono leggermente inferiori, ma in buona sostanza dal report si evince come tutti gli italiani stiano rispettando in maniera uniforme le regole introdotte con i vari Dpcm. Sei gli indicatori adottati per misurare il nostro senso civico: la presenza in negozi e locali, i movimenti presso negozi alimentari e farmacie, nei parchi, l’impiego dei mezzi pubblici, gli spostamenti di lavoro e la permanenza a casa.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo