Coronavirus, liberati gli studenti lucani. “Sgonfiata” l’ordinanza Bardi

POTENZA – Nessuna quarantena per gli studenti provenienti dalle regioni del Nord. E neanche per i lavoratori.

A meno che, una volta attivata la procedura del censimento, non si ravvisino dei sintomi influenzali. Decade così la misura restrittiva inizialmente introdotta dal governatore Bardi nell’ordinanza emessa alcuni giorni fa per far fronte all’emergenza Coronavirus.

Il provvedimento che sarà varato dal governo Conte “eredita” soltanto parte di quel dispositivo pubblicato. Si procederà, infatti, al censimento. Non solo dei ragazzi universitari, ma di tutti coloro che sono rientrati in Basilicata dalle regioni situate nelle zone “rosse”. Questo, in parole povere, l’esito della riunione romana alla quale ha partecipato “a distanza” anche il presidente Bardi. Ieri pomeriggio si è tenuto in Regione un incontro presieduto dall’assessore alla Sanità Rocco Leone e dal direttore generale del dipartimento e referente della task force lucana, Ernesto Esposito per illustrare alla stampa le nuove procedure.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo