Coronavirus, nuovi contagi di rientro. Screening terminato a Tricarico

POTENZA – A Melfi la situazione sembra tornata sotto controllo dopo l’esito negativo dei venti tamponi esaminati da un laboratorio privato a Venosa sui colleghi entrati in contatto con i cinque lavoratori positivi di Fca.

Resta quindi circoscritto il mini focolaio di San Nicola di Melfi, che aveva spaventato anche un paio di aziende dell’indotto, tornate serenamente a lavoro nella giornata di ieri. La task force, nel frattempo, si è attivata per somministrare il tampone di verifica ai due ultimi contagiati tra gli operai Fca (uno invece nell’indotto – ndr.). Test sono in corso anche su un numero ristretto di colleghi e di contatti diretti.

Nessuna propagazione è stata registrata neanche nell’ex zona rossa di Tricarico, dove l’allarme era scattato a seguito degli otto casi spuntati fuori la settimana scorsa. Sono infatti risultati negativi una quindicina di test, gli ultimi della filiera dei contatti legati al cluster familiare. Non si arrestano però i casi di rientro dalle vacanze. Nel bollettino di ieri mattina, non solo la positività riscontrata a Potenza sulla 32enne tornata dalla Puglia, ma anche due nuovi contagi a Matera. Si tratta di una coppia di amici tornata recentemente dalla Sardegna, uno dei due è però pugliese. E a Rotondella, dove in isolamento ci sono già due albanesi, è stata comunicata dall’amministrazione una nuova positività di rientro dai Balcani su una donna asintomatica.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo