Coronavirus, tamponi rifatti nella casa di riposo di San Giorgio Lucano. E un anziano “diventa” positivo

POTENZA – Il saldo resta positivo. A fronte di due nuovi contagi segnalati a Matera e San Giorgio Lucano, comuni che messi insieme contano dall’inizio dell’emergenza sanitaria quasi una novantina di affetti da Coronavirus, si registrano altre cinque guarigioni.

Per cui i casi attuali ammontano a 229. I tamponi esaminati ieri sono 471, 8511 quelli inseriti nella banca dati dal 3 marzo scorso in Basilicata.

Nel piccolo centro materano a risultare positivo è un anziano della casa di riposo già noto focolaio. Anche in questo caso asintomatico. Da qualche giorno era stato ricoverato al Madonna delle Grazie per problemi intestinali e a distanza di una settimana circa dal primo tampone, questa volta il risultato è purtroppo cambiato. Sette gli ultraottantenni presi in carico dall’ospedale di Matera, sei invece quelli trasportati al San Carlo. Gli ultimi tre sono arrivati mercoledì sera. L’operazione è stata eseguita con quattro mezzi del 118 Basilicata che, in carovana, hanno trasportato i pazienti (due in Malattie infettive, uno in Pneumologia) con barelle biocontenitive. Quindi sale a 13 il numero totale degli ospiti della struttura alle prese con il virus. Ai quali vanno aggiunti anche tre operatori che vi prestano servizio. Si è in attesa ora dell’esito degli otto tamponi prelevati per la seconda volta sugli unici 8 anziani trovati negativi al primo test. Se ne saprà di più oggi. Stessa procedura è stata condotta già ieri nella casa alloggio Vallina di Calvera, dove sono stati nuovamente effettuati i tamponi ai 13 ospiti e agli operatori, risultati ancora negativi. Qui il 20 aprile era risultato positivo un solo ospite, poi trasferito nel reparto di malattie infettive del San Carlo.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo