Corte dei Conti, ex sindaco di Corleto assolta da accusa di danno erariale

POTENZA – La Corte dei conti ha assolto l’ex sindaco di Corleto Perticara, Rosaria Vicino (difesa dall’avvocato Dino Donnoli), e il segretario comunale pro-tempore, Vincenzo Carlo Petrocelli (difeso dall’avvocato Valerio Di Palma), dall’accusa di aver causato un danno erariale di circa 36mila euro per l’attribuzione di una posizione organizzativa ad un dipendente di categoria C, ritenuta illegittima da parte della procura regionale contabile. Il provvedimento dell’allora primo cittadino risaliva al 2012, poi annullato dall’attuale sindaco, Antonio Massari, nella primavera del 2016. All’esito delle controdeduzioni e delle audizioni dei due originari imputati, la procura aveva però invitato a dedurre anche Giovanni Robilotta, ovvero il dipendente che aveva beneficiato della progressione e della relativa indennità: il pm contabile gli aveva contestato il 25% del danno complessivo, ma la sentenza di assoluzione (pur non essendosi costituito in giudizio) riguarda anche lui.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Fabrizio Di Vito