Cova, 4 ore di sciopero nell’indotto Eni: “Mancato rispetto degli accordi”

VIGGIANO – Cgi e Uil, a seguito della mancata apertura del confronto da parte di Confindustria sulla Piattaforma per la Contrattazione Unica di Sito presentata dalle organizzazioni sindacali e approvata dai lavoratori, nell’ambito dello stato di agitazione messo in campo nei giorni scorsi annunciano le ulteriori iniziative di mobilitazione a partire dallo sciopero di 4 ore davanti al Centro oli di Viggiano per domani di tutti i lavoratori dell’indotto Eni. Cgil e Uil ritengono inaccettabile il mancato rispetto di Confindustria verso i lavoratori, che legittimamente hanno chiesto di discutere delle condizioni di lavoro, di salario, di sicurezza e occupazionali; come è assordante il silenzio della Regione Basilicata, di Eni e di Confindustria rispetto agli impegni assunti con il Protocollo si sito del 2012 e il Protocollo del 6 Agosto 2014.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”