Covid e infortuni, novembre il mese nero. 876 le denunce e un decesso

POTENZA – Sono state 876 in tutta la Regione le denunce di infortunio sul lavoro da Covid in Basilicata, di cui un decesso, per il periodo che va dal 30 gennaio 2020 ad aprile 2021, secondo il report dell’Inail. 518 donne (di cui 114 a Matera e 404 a Potenza), e 538 uomini (di cui 85 a Matera e 273 a Potenza). La classe d’età maggiormente colpita è stata quella tra i 50 e i 64 anni con 313 casi a Potenza e 97 a Matera mentre dai 35 ai 49 anni sono stati denunciati 72 casi a Matera e 232 a Potenza. Rispetto alla data di rilevazione del 31 marzo 2021, le denunce di infortunio sul lavoro da Covid, sono aumentate di 59 casi (+7,2%), di cui 29 avvenuti ad aprile, 23 a marzo e 7 a febbraio del 2021. L’incremento, superiore a quello nazionale (pari al +3,8%), ha interessato entrambe le province, ma più intensamente – sia in valore assoluto che in percentuale – quella di Matera.

NOVEMBRE IL MESE NERO L’analisi nella regione per mese dell’evento individua sempre novembre 2020 come il mese più critico per le denunce con il 32,3% degli 876 casi pervenuti dall’inizio dell’epidemia, seguito da dicembre e da gennaio 2021. L’andamento regionale dei contagi denunciati è analogo a quello nazionale ma ne differisce per intensità: inferiore alla media italiana in occasione della prima ondata, superiore nella seconda e prosieguo.L’unico decesso nel periodo osservato è avvenuto a dicembre scorso.

LE PROFESSIONI Le professioni maggiormente colpite sono state quelle del comparto sanitario. Tra i tecnici della salute l’83,8% sono infermieri, seguono fisioterapisti (4,3%), ostetriche (3,6%) e assistenti sanitari (3,2%);tra le professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali: tutti operatori socio sanitari; tra il personale non qualificato nei servizi di istruzione e sanitari: ausiliari ospedalieri e portantini; tra i medici il 50% è composto da medici internisti, cardiologi, generici e geriatri; tra gli impiegati, soprattutto amministrativi; tra il personale non qualificato nei servizi di pulizia di uffici, alberghi, ristoranti, prevale personale dedicato alle pulizie di camere e di ospedali-ambulatori; tra i conducenti, prevalgono quelli di autoambulanze.