Cultura, riaprono i musei lucani

POTENZA – Con la fine della prima fase dell’emergenza, secondo quanto previsto e permesso dalle indicazioni governative e regionali, con scrupolose misure di sicurezza e osservando un rigoroso protocollo sanitario, a partire da ieri anche la Direzione Regionale Musei Basilicata, ha dato avvio al graduale, progressivo e sostenibile piano di riapertura dei musei e luoghi della cultura lucani.

In linea con le indicazioni del comitato tecnico scientifico che affianca la protezione civile e la presidenza del consiglio dei ministri al fine di contenere i rischi e contrastare l’epidemia Covid-19.

La data della riapertura coincide felicemente quest’anno con la giornata internazionale dei musei, promossa dall’Icom, che nell’edizione 2020 è dedicata al tema Musei per l’eguaglianza: diversità e inclusione (Museums for Equality: Diversity and Inclusion), ponendo all’attenzione e alla riflessione di tutta la comunità museale il ruolo sociale degli Istituti culturali, la loro potenzialità nell’essere agenti di cambiamento, attraverso azioni per favorire la fruizione e la partecipazione da parte di tutte le persone. Un tema di assoluta centralità, in modo particolare nel momento di emergenza sanitaria che stiamo vivendo e che ha completamente trasformato l’accesso del pubblico alla cultura. Il piano di “ripartenza” della Direzione Regionale Musei Basilicata prende l’avvio da tre luoghi simbolici per la nostra regione; non solo aree archeologiche o spazi aperti ma anche musei, grazie alla consolidata cultura di comunità sviluppata in questi luoghi con l’esperienza di Matera2019.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”