Curcio: “Il Viviani era una stangata”. Ecco perché il Picerno giocherà a Villa d’Agri

PICERNO – Oggi è il giorno di mister Ginestra. Il nuovo tecnico del Picerno verrà presentato ufficialmente in conferenza stampa questa sera alle 18. Il tecnico campano illustrerà quelle che saranno le ambizioni dei rossoblu nel prossimo torneo di Serie D, campionato che si preannuncia molto difficile ed equilibrato.

GRECO, DG – Intanto è tornato a parlare, dagli States, patron Donato Curcio con un annuncio importante: “Vincenzo Greco sarà il direttore generale dell’AZ Picerno”. Previsti diversi movimenti in società, infatti, nei giorni scorsi si è provveduto a cambiare il consiglio d’amministrazione, nel nuovo cda Donato Curcio sarà presidente mentre il ruolo di vice è di Gianvito Curcio. Nei prossimi giorni, inoltre, il dg Greco comunicherà i nomi dei collaboratori che lavoreranno con lui e per l’Az Picerno”

VILLA D’AGRI – In attesa della fine lavori allo stadio di Picerno, prevista a metà novembre, il club melandrino già da alcuni giorni ha annunciato che le partite interne si giocheranno a Villa d’Agri. Curcio spiega il perché i rossoblù lasciano il Viviani: “Domenica prossima a Villa d’Agri inizierà il nostro campionato. Ringrazio personalmente il sindaco Marco Zipparri, l’assessore allo Sport Michele Varallo e tutta l’amministrazione comunale per averci concesso la struttura, e lo sottolineo, gratuitamente. Non saremo al “Viviani”. Molti si chiedono il perché. Ringrazio il presidente Caiata per averci ospitato lo scorso anno, ma ad un costo di oltre 7mila euro a partita, Ripeto, oltre 7mila euro a partita, anche se all’inizio della stagione scorsa lo stesso Caiata si era fatto promotore di un comunicato stampa dicendo che “ai nostri cugini di Picerno li ospitiamo al Viviani gratuitamente”. Mentre dopo abbiamo avuto la stangata, e che stangata. Ma sono cose che mettiamo alle spalle e andiamo avanti”. Ora si pensa solo al campo, e a creare la miglior rosa possibile da mettere a disposizione di mister Ginestra