Dialisi, riparte il servizio a Venosa

VENOSA – Riparte dall’11 luglio prossimo il servizio dialisi all’ospedale di Venosa. Lo hanno garantito l’assessore alla Sanità Fanelli e il direttore Asp D’Angola in un incontro con i dializzati. Da lunedì prossimo previsto il rispristino di tutte le attività, fatta salva la necessità di ripetizione degli esami di controllo delle acque di dialisi ove venisse riscontrata la non conformità dei parametri prefissati.

“Occorreva garantire la ripresa delle attivita in sicurezza- hanno sottolineato Fanelli e D’Angola- motivo per cui si è preso tempo, valutando anche la coesistenza del covid con i pazienti dializzati”.
Tanto, a riprova dell’impegno e dell’attenzione dedicati ai territori, a dispetto delle facili e fuorvianti strumentalizzazioni.

Una scelta non condivisa dall’associazione Aned di Basilicata che parla di dispersione di figure professionale, già fortemente carenti.

“Allo stato attuale- si legge nella nota dell’associazione- in un unico punto dialitico, Rionero in Vulture, sono aggregati personale sanitario e pazienti, prima afferenti in due distinti centri, con una dotazione organica complessiva di 4 medici e un buon numero di infermieri. I parametri di personale medico, personale infermieristico e pazienti in trattamento sono tra i migliori d’Italia, perfettamente in linea con quelli indicati dalla Società italiana di Nefrologia. Una condizione ottimale che non ha riscontro in nessun centro pubblico periferico. Inoltre, non bisogna dimenticare, la presenza nel CROB di reparti specialistici, ad esempio la rianimazione h24, che contribuiscono a garantire la sicurezza della dialisi”.