Dissesto idrogeologico, il sindaco di Sant’Angelo le Fratte: “Regione immobile”

SANT’ANGELO LE FRATTE – “L’ultimo mio appello, sull’utilizzo dei fondi sul dissesto idrogeologico, risale ormai ad un articolo su “La Nuova” del 13 settembre 2017 dove questa Regione non ha dato mai risposta. La mia piena solidarietà al collega Sindaco di Pomarico”. Inizia così l’intervento del sindaco di Sant’Angelo Le Fratte Michele Laurino, anche lui in attesa che dalla Regione sblocchino finalmente i fondi spettanti. “Oggi non possiamo più attendere e pensare, nonostante i progetti definitivi ed esecutivi che ogni comune ha segnalato e candidato da ormai un decennio a questa parte, sia al ministero che alla Regione Basilicata, dove ancora oggi in ogni Comune ci sono strade chiuse (contrade completamente isolate da anni), abitazioni sgomberate, con cittadini senza la propria abitazione e con un territorio pieno di dissesti idrogeologici, segnalati. Noi sindaci ci sforziamo di valorizzare i nostri Comuni anche a livello turistico e, purtroppo, molte volte mostriamo il nostro territorio da terzo mondo, soprattutto sulla viabilità, ormai, tutta dissestata, tutto questo con la consapevolezza che questa regione ha in dotazione finanziaria circa 150.000.000 di euro sul dissesto idrogeologico, se non di più”.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”