Ex Fenice, incendio all’inceneritore: fu disastro colposo

POTENZA – E’ stata decisa ieri la condanna dell’ex direttore dell’inceneritore Rendina Ambiente ex Fenice, Ruggero De Fazio.

Ne dà notizia il sindaco di Melfi, Livio Valvano, che dopo la sentenza chiede alla Regione e all’Arpab un diverso atteggiamento sulla vicenda.

Nell’autunno 2011 il sindaco di Melfi presentò, infatti, un esposto-denuncia per l’incendio verificatosi presso lo stabilimento. I tecnici di Arpab in quel momento dichiararono che non c’erano particolari problemi degni di nota. “Ricordo – spiega Valvano – assurde dichiarazioni tese a convincerci che il fumo dell’incendio poteva essere stato smaltito dai camini dell’inceneritore. Oggi a fronte della denuncia penale presentata dal sottoscritto e della richiesta di sequestro, l’autorità giudiziaria, dopo un lungo processo, ha emesso la sentenza di colpevolezza per disastro colposo, a conferma che vi era, come vi è, qualcosa che non va in quella macchina”.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”