25 May 2019
BREAKING NEWS
Home / Apertura  / Ex Materit, il racconto di una vedova: “Mio marito mangiava il panino su quei sacchi”

Ex Materit, il racconto di una vedova: “Mio marito mangiava il panino su quei sacchi”

MATERA – Si sono riuniti ieri, al secondo piano della sezione penale del Tribunale di Matera, i parenti delle vittime di amianto della società Materit, in Valbasento. “Mi ricordo di quando mio marito mi raccontava di aver mangiato il panino direttamente sul sacco pieno di amianto. Lo appoggiava sul sacco per mangiare pane e amianto. Mi ricordo che quando tornava a casa, prendevo la sua tuta da lavoro e la infilavo in lavatrice insieme alle mie cose e a quelle delle mie figlie. Adesso lui non c’è più e, credimi, mi manca tutto perché lui era il perno della famiglia. Mi manca come l’ossigeno e adesso che ho scoperto di avere anch’io delle macchie ai polmoni e sto facendo i controlli da sola, mi manca ancora di più. Chiediamo la bonifica dell’area e se ci spetta anche qualcosa per noi”. Sono parole miste a lacrime quelle di Giovanna Desimmeo, una donna di Grottole e vedova di un operaio che, per una vita intera, ha lavorato per la Materit. Giovanna, ieri mattina, dopo tanti anni ha riabbracciato per caso, durante l’udienza del processo Materit, la moglie di un collega del marito, anche lui deceduto per un cancro ai polmoni.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Rosita Stella Brienza