Fase tre, riaprono i cinema: più sagome che spettatori

POTENZA- Porte aperte nelle sale cinematografiche dopo il lungo lockdown scattato proprio al giro di boa della programmazione stagionale.

Non senza gravi ripercussioni per il comparto. Disco verde del governo anche per discoteche e centri estivi, i quali – a differenza di cinema e teatri – potranno contare, molto probabilmente, su una maggiore garanzia di ripresa. Siamo andati al cineteatro “Don Bosco” di Potenza che ha riavviato l’attività con la proiezione del film “I Miserabili”.

Una pellicola già in calendario, che la direzione della struttura potentina ha voluto proporre riprendendo proprio da dove era stata costretta a lasciare. Il capolavoro d’esordio del regista e sceneggiatore maliano Ladj Ly – vincitore del premio della giuria del festival di Cannes 2019 e candidato all’Oscar come miglior film internazionale – non ha però invogliato i potentini a recarsi al cinema per poterselo godere sul grande schermo. Affluenza ancora scarsa: solo in dieci al primo spettacolo, nonostante le tariffe stabilite risultino davvero vantaggiose. Solo 4 euro per l’ingresso nei giorni feriali, 5 nel weekend e accesso in tutta sicurezza.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Mariolina Notargiacomo