Fase tre, spiagge sicure. Sindaci uniti: “Regole semplici e chiare”

POTENZA – Regole semplici e chiare, prassi uniformi e condivise che rendano sicura e agevole la fruizione delle spiagge lucane, senza penalizzare gli utenti del mare.

Queste sono state le parole d’ordine del confronto intercorso, in queste settimane, tra gli amministratori dei comuni costieri lucani di Maratea, Bernalda, Pisticci, Policoro, Rotondella e Nova Siri. Nel segno della collaborazione ormai consolidata nelle iniziative di promozione turistica, che ha portato in questi anni a risultati importanti come l’ottenimento e la annuale riconferma della Bandiera Blu per i litorali lucani, dalla costa jonica a quella tirrenica, anche in occasione delle nuove disposizioni dovute al Covid-19 si è riusciti a fare sintesi e a condividere attività di tutela dei fruitori delle nostre coste.

Nelle linee guida nazionali, condivise anche nei provvedimenti della Regione Basilicata, è demandata ai Comuni, per quanto riguarda le spiagge libere, innanzitutto un’accurata informazione sulle misure di prevenzione da adottare per prevenire rischi per la salute. “A tale scopo abbiamo convenuto – spiegano i sei sindaci – di dotare le spiagge libere di apposita cartellonistica, in lingua italiana e in lingua inglese, che informerà l’utenza circa le principali regole da rispettare (saranno indicate le distanze minime da osservare tra le persone e nel posizionamento delle attrezzature da spiaggia come ombrelloni e sdraio, il divieto di assembramenti e di pratiche sportive di gruppo, l’obbligo di osservare una corretta igiene delle mani e delle superfici utilizzate).

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”