Fca, via libera alla linea di credito: in gioco il futuro di migliaia di operai

MELFI- Fca Italy, e altre società italiane del Gruppo, hanno annunciato di aver concluso le operazioni per la sottoscrizione di una linea di credito da 6,3 miliardi di euro, a tre anni, con Intesa Sanpaolo che sarà destinata «esclusivamente alle attività nazionali e al sostegno delle oltre 10mila piccole e medie imprese che costituiscono il settore automotive in Italia».

A darne notizia, nella tarda serata di mercoledì, è stata la stessa Fca. E naturalmente stiamo parlando della linea che beneficerà della garanzia per l’80% di Sace, l’agenzia italiana per il credito all’export, nell’ambito del decreto liquidità emanato dal governo e sotto la supervisione di Mef e Mise, al centro di non poche polemiche nelle ultime settimane.

Tant’è che, nella sua nota, Fca ha tenuto a precisare che «tutte le erogazioni derivanti dalla linea di credito saranno gestite allo scopo di garantire supporto operativo per i pagamenti alle attività di Fca in Italia e ai fornitori italiani, sostenendo pertanto la ripartenza delle produzioni in Italia e la prosecuzione dei principali progetti di investimento negli impianti italiani del Gruppo e presso i propri fornitori».

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”