Ferrosud, Cigs per 65 lavoratori. C’è la firma del ministero

MATERA – Il grido di disperazione si era levato alto dallo stabilimento Ferrosud di Matera dove le organizzazioni sindacali sono presenti quotidianamente per sedare gli animi dei lavoratori il cui destino resta legato alle decisioni affidate al governo centrale e regionale, oltre che al tribunale di Matera alle prese con il concordato preventivo.

In attesa di nuovi sviluppi societari per gli ottanta dipendenti dell’industria ferroviaria materana era stata decisa la cassa integrazione.

Questo oltre un mese fa lasciando i lavoratori senza stipendio e senza misure di sostegno. Non erano arrivati nemmeno gli stipendi arretrati la cui corresponsione era stata assicurata dalla società. E in questi giorni il clima nello stabilimento lucano si è fatto incandescente. Oggi la risposta del ministero che fa sapere di aver firmato il decreto di approvazione del programma di crisi aziendale e di concessione della cassa integrazione straordinaria.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”