Follia ultrà, tifoso della Vultur travolto da un’auto con a bordo alcuni supporter del Melfi

VAGLIO di B. – Follia, nient’altro che follia. Il corpo senza vita di un giovane di 38 anni è l’assurdo risultato di una domenica drammatica.

Inconcepibile e ingiustificabile. Apparteneva a Fabio Tucciariello, 38 anni, operaio. Non era sposato. Aveva nel cuore i colori bianconeri della Vultur Rionero. Seguiva sempre la squadra che milita nel campionato di Eccellenza lucana, nelle gare interne e in quelle esterne. Ieri pomeriggio, con i suoi amici, era diretto a Brienza, dove si doveva disputare una partita importante per la classifica. Ma il caso (o forse no, lo stabiliranno le indagini) ha voluto che la comitiva bianconera – Tucciariello era a bordo di un pulmino con altri tifosi – incontrasse sulla strada un gruppo di tifosi della vicina Melfi, che viaggiava su cinque auto private. Tra le due tifoserie da sempre c’è un’accesa rivalità. Basti pensare che negli ultimi due anni sono stati comminati 24 Daspo, divieti di assistere alle manifestazioni sportive. Un “regolamento di conti” – sospettano gli inquirenti – finito purtroppo in tragedia. Anziché imboccare la superstrada Basentana in direzione Potenza, i tifosi del Rionero hanno proseguito la corsa in direzione opposta verso Metaponto.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”