Fondazione Matera 2019, Verri si fa la “Leopolda” a Serra del Sole. Ma c’è chi vuole fare due calcoli

MATERA- Serra del Sole trasformata in una sorta di “Leopolda” per tracciare un bilancio di quanto avvenuto nell’anno di Matera capitale europea della cultura, con lo sguardo rivolto al futuro.

La Fondazione 2019, ha messo insieme istituzioni, esponenti della politica locale, rappresentanti della filiera turistica e del terzo settore e tutti coloro che in qualità di partner hanno contribuito alla realizzazione del dossier nell’anno che ha visto la città costantemente in vetrina.

Antonio Materdomini

Un patrimonio di esperienze che va capitalizzato, è stato spiegato durante la manifestazione di ieri, che ha visto il coinvolgimento di un gruppo cospicuo di persone e di cui si attende l’elaborazione finale delle relazioni esposte e delle proposte avanzate. Ma c’è chi non vuole aspettare tempo come il consigliere comunale dei 5 stelle Antonio Materdomini e quello regionale Gianni Perrino i quali chiedono di conoscere un altro di bilancio. Quello relativo alle spese effettuate dalla Fondazione. «L’anno di Capitale Europea della Cultura si è concluso con l’ultima festa a Cava del Sole, accompagnata dalle manifestazioni di giubilo della truppa capitanata da Paolo Verri. Il 19 gennaio 2020 una mesta e un po’ triste celebrazione – commentano Materdomini e Perrino – che ha definitivamente salutato l’anno in cui Matera è stata insignita del titolo Ecoc 2019. Ovviamente i “bilanci” redatti dalla Fondazione sono tutti positivi – rilevano i due pentastellati – ma per quanto ci riguarda non siamo per nulla soddisfatti a causa, soprattutto, della mancanza di trasparenza nell’operato della Fondazione. Inoltre continuano ad arrivarci segnalazioni su mancati pagamenti a coloro che hanno offerto servizi e prestazioni per la realizzazione degli eventi durante tutto il 2019» viene puntualizzato da Materdomini e Perrino – che ricordano come nel merito avevano tempo fa depositato un’interrogazione in Consiglio Regionale «che ancora attende risposta.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”