Gdf: nuovo blitz contro i “furbetti” del bonus bebè, asilo nido e mensa scolastica

MATERA – Altri 23 i finti poveri scoperti dalle Fiamme Gialle di Matera e denunziati all’Autorità Giudiziaria per il reato di “falso” o per “indebita percezione di benefici concessi o erogati dallo Stato o da altri enti pubblici”. La Compagnia della Guardia di Finanza di Matera ha concentrato l’attenzione sulle prestazioni sociali agevolate di varia natura al fine di individuare i furbetti che utilizzano false dichiarazioni per fruire di quegli aiuti economici e servizi sociali di assistenza che spettano ai cittadini che manifestino disagi di natura economica e sociale, quali i bonus per asili nido e altri servizi per l’infanzia, prestazioni scolastiche (mensa, trasporto, libri di testo, borse di studio ecc.), agevolazioni per le tasse universitarie, gratuito patrocinio, servizi socio sanitari domiciliari, esenzioni ticket sanitari, contributi per gli affitti, agevolazioni per servizi di pubblica utilità (sconti su bollette di luce, gas, telefono), bonus bebè a partire dal 2015, social card.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”