Governo Bardi, caos giunta. Messaggi di pace tra Merra e Cupparo

POTENZA- L’assessore Cupparo non è tipo da farsela passare sotto il naso, come si suol dire.

E alla Merra ha fatto recapitare un messaggio preciso: senza un chiarimento politico si asterrà su ogni provvedimento portato in giunta da quest’ultima. Quanto accaduto sul caso Barresi non è ancora stato digerito. E le dimissioni del dg Caivano (con annessa lettera che farebbe riferimento anche a un “malvisto” supporto dato proprio a Cupparo), hanno rappresentato la classica goccia che fa traboccare il vaso.

La Merra però, dal canto suo, manda messaggi di pace. Perché, afferma, «ammetto che i toni della politica a volte possono farsi particolarmente duri, ma ciò non ha mai minato, per quanto mi riguarda, il rispetto e la stima personale verso ognuno dei componenti della giunta regionale, e sono certa di essere ricambiata». «Immaginare che ci sia sempre unanimità di intenti e riflessioni, specie se magari non sufficientemente condivise preventivamente, diventa a volte utopia, ma ritengo sia un processo normale, fisiologico di qualunque organo o consesso, specie nella dimensione politica; il confronto che opportunamente può nascere su singoli provvedimenti – aggiunge – non mina di certo l’obiettivo comune di più ampio respiro, che è quello di una comune strategia verso un cambio di stile e di rotta che la comunità lucana forse si aspetta da questa politica rispetto a quella del passato».

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”