Governo Bardi, pasticcio anche sull’ospedale da campo

POLICORO- Tiene sempre banco a Policoro la discussione in merito all’ospedale da campo donato dal Qatar.

Sul quale potrebbero non mancare colpi di scena dopo le tensioni nella maggioranza e le proteste. Oggi intanto dovrebbe esserci un sopralluogo preliminare nell’area individuata, tra il Palaercole e il Comune, che potrebbe a giorni condurre all’allestimento vero e proprio. Duecento i posti assegnati alla città jonica, altri trecento invece li ospiterà Potenza. Se per le istituzioni – Dipartimento nazionale della Protezione Civile, Regione e Comune – l’installazione rappresenta un’opportunità per il territorio, cittadini e imprenditori temono invece che si rivelerà “un’opportunità” per quelle regioni che allo stato attuale presentano curve epidemiologiche più accentuate rispetto a quella lucana.

L’impatto che si determinerebbe, secondo chi sta contestando questa decisione, a partire da coloro che hanno sfidato le disposizioni del Dpcm protestando dinanzi alla sede comunale, potrebbe prolungare lo stato di crisi che già impera in questa stagione di lockdown. Se in Basilicata la situazione dovesse finalmente assestarsi, Policoro si ritroverebbe nella condizione di dover assorbire giocoforza i pazienti Covid di altre realtà. Posizione condivisa, peraltro, anche da un pezzo dell’attuale maggioranza di governo regionale. Cariello, giovane imprenditore nonché consigliere salviniano, si è infatti espresso in maniera negativa. Segnale, altresì, che ancora una volta nel centrodestra non ci sia compattezza e a volte neanche messa a conoscenza delle decisioni della Task-force. A poco sono servite le “rassicurazioni” dell’assessore Leone, che qualche giorno fa aveva provato a “sgonfiare” le polemiche pubblicando un video sui social. Nel merito, invece, è la Cgil a rilevarne l’improprietà.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”