16 Jul 2019
BREAKING NEWS
Home / Cronaca Giudiziaria  / Iena 2, pagano solo Martorano e Stefanutti

Iena 2, pagano solo Martorano e Stefanutti

POTENZA – Dei 243 anni di reclusione chiesti dal pubblico ministero Annagloria Piccininni poco più di un anno fa, ne sono stati inflitti appena 26 attraverso la condanna di due dei 27 imputati. Si è chiuso con una raffica di assoluzioni e prescrizioni il processo ”Iena 2”, riguardante le attività illecite della presunta associazione mafiosa capeggiata, secondo l’accusa, da Renato Martorano, considerato dagli inquirenti il massimo esponente della ’ndrangheta in Basilicata. Ma l’impianto accusatorio è crollato proprio dalla sua base: il tribunale non ha infatti riconosciuto l’aggravante mafiosa, riqualificando l’accusa per diversi imputati in associazione a delinquere semplice. Decisione presa in merito a reati consumati ormai vent’anni fa e quindi abbondantemente coperti dalla prescrizione. Le uniche due condanne riguardano lo stesso Martorano, al quale il collegio giudicante presieduto dal giudice Rosario Baglioni ha inflitto 14 anni di reclusione e per l’ex pugile potentino, Dorino Rocco Stefanutti (per lui la pena inflitta è di 12 anni): entrambi dovevano rispondere di usura ed estorsione ai danni di Quirino Secondo Desiderio Guarino. La prescrizione è invece scattata per Giovanni Quaratino, Pio Albano, Antonino Garramone, Carmine Garramone, Gianvito Amendola, Pasquale Lamorte e Mario Cutro.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”