Il Potenza si aggiudica il triangolare di Senise. Patron Macchia: “Prosegue il nostro progetto sul territorio regionale”

POTENZA – Sei a zero al Real Senise e un pareggio per 1-1 contro il Francavilla. Dopo il “Memorial Macchia” il Potenza si porta a casa anche il trinagolare del Giambattista Rossi. Al di là dei risultati, la squadra ha impegnata sul terreno in erba naturale dil campo di Senise, ha dato altri dati al tecnico Sebastiano Siviglia ed al suo staff per analizzare queste tre settimane di lavoro pre-campionato. In terra sinnica si sono contraddistinti Cargnelutti ed Emmausso che si sono spartiti il tabellino dei marcatori con una tripletta a testa contro il Senise. Nella seconda gara, invece, ad andare in gol contro il Francavilla è stato Di Grazia su calcio di rigore. Mister Siviglia ha mescolato le carte e ha fatto esperimenti, soprattutto per capire chi tra i giovani calciatori presenti in rosa siano più pronti per applicare i suoi dettami tattici.

MISTER SIVIGLIA – “Sono molto soddisfatto perché i ragazzi hanno fatto quello che era giusto fare – ha commentato il tecnico -. Abbiamo dato un po’ di spazio a chi ne aveva avuto meno e al di là dell’avversario volevamo alzare il minutaggio e il ritmo alle nostre giocate. Il risultato in questa fase non conta, a me interessava che ci fosse il giusto coinvolgimento e la giusta intensità”. Quello di ieri è stato un test importante anche sotto il profilo della personalità: “Ho voluto vedere i tanti ragazzi in partite dove il livello si alza e vedere la loro reazione perché si cresce e si matura anche in queste partite e sono molto soddisfatto. Hanno fatto i movimenti giusti ed ero curioso di vederli a confronto con gli adulti” ha continuato Siviglia che poi si è soffermato anche a parlare dei singoli, uno dei quali Costa Ferreira impiegato davanti alla difesa: “Pedro è un grande calciatore che non scopro certo io. Ha avuto un piccolo infortunio ad inizio ritiro e ora si sta allenando ininterrottamente da cinque o sei sedute e sono convinto che ci darà una grandissima mano”. A Senise non ha preso parte a nessuna delle due mini partite, Sandri, lasciato a riposo precauzionale: “Sandri sta bene – ha affermato Siviglia-. Ha avuto un piccolo problema al gluteo dovuto ai carichi di lavoro e lo abbiamo tenuto a riposo a scopo precauzionale, non aveva senso andare a forzare”.

DI GRAZIA – Uno dei protagonisti della seconda partita, è stato Di Grazia: “La squadra ha fatto bene, siamo un po’ stanchi dopo tre settimane di ritiro, ma cerchiamo sempre di fare quello che dice il mister in qualunque modo. Veniamo da tre settimane nelle quali abbiamo lavorato sul sintetico e oggi il terreno era un po’ pesante, però tutto sommato è andata bene”. Sull’arrivo di Caturano e sull’intesa da creare: “Il mister vuole determinate cose, con l’arrivo di Sasà non cambia molto e abbiamo bisogno solo di un po’ di tempo per conoscerci meglio”.

MACCHIA E CHIORAZZO – Il vicepresidente del Potenza, Angelo Chiorazzo, che è proprio di Senise, ha commentato quello che è stato un vero e proprio evento per la città del Sinni e l’intero comprensorio: “Sicuramente il maggior ringraziamento va a Donato Macchia, ai giocatori del Potenza, a quelli del Francavilla, per aver onorato questo comune dove c’è una grande tradizione di calcio. Questo era proprio l’intento dal giorno in cui Donato Macchia ha deciso di prendere il Potenza. Che diventasse una squadra che unisce i territori, attraverso i suoi giovani. Il progetto è quello di una grande settore giovanile regionale. E Senise vuole esserci in questo progetto”. Macchia: “Confermo ogni singola parola di Angelo, e confermo il progetto regionale. Non a caso Senise confina con la provincia di Matera. Qui abbiamo ricevuto una bellissima accoglienza da parte della comunità. Noi vogliamo essere su tutti i territori e vogliamo contribuire alla crescita dei settori giovanili che vorrano portare avanti insieme a noi questo progetto”.