Il Tar rigetta l’istanza di Giorgetti. Un altro no per l’ex consigliere. Carlucci resta al suo posto

POTENZA – E’ arrivato un altro no sul seggio conteso in casa 5 stelle per Gino Giorgetti. Carmela Carlucci, subentrata in Consiglio regionale dopo un riconteggio delle schede, resta al suo posto. Il Tar di Basilicata ha infatti rigettato il ricorso dell’ex consigliere regionale pentastellato, presentato contro la presunta inerzia dell’ufficio elettorale regionale che avendo corretto i prospetti delle preferenze, non avrebbe rettificato l’atto di proclamazione, nè comunicato alla Regione l’errore.

Secondo il Tar l’ufficio elettorale avrebbe concluso il suo lavoro con la proclamazione degli eletti. Per questo motivo anche una eventuale rettifica effettutta su istanza di Giorgetti ammettendo errori sui calcoli, sarebbe stata anomala.

Per i giudici del Tar si tratterebbe di un atto incompatibile “con il principio della certezza dei rapporti did iritto pubblico, prevedendo rigorosi termini di decadenza entro i quali gli atti vanno contestati , e decorsi inutilmente i quali, i risultati elettorali diventano intangibili, come nel caso di specie di correzione del risultato elettorale all’esito di ccontroversia giurisdizionale.

Gli organi straordinari-conclude il Tar – esaurite le loro funzioni, non possono riunirisi d’iniziativa o su impulso di una parte privata ma solo su impulso dell’amministrazione di riferimento (…)”.