22 Nov 2019
BREAKING NEWS
Home / Apertura  / Inchiesta Sanità, il Riesame conferma i domiciliari. La difesa: “Pittella è innocente”, ora in Cassazione

Inchiesta Sanità, il Riesame conferma i domiciliari. La difesa: “Pittella è innocente”, ora in Cassazione

POTENZA- “Crediamo nell’estraneità del nostro assistito e, pertanto, conosciute le motivazioni, proporremo ricorso per Cassazione”. E’ questo il primo commento dei legali del presidente della Regione Basilicata Marcello Pittella, Emilio Nicola Buccico e Donatello Cimadomo, alla decisione del tribunale del Riesame di Potenza che ieri ha confermato gli arresti domiciliari per il governatore lucano. A distanza di tre giorni dall’udienza celebrata a Potenza e coincisa peraltro con la notifica del gip di Matera Rosa Nettis di conferma della misura restrittiva per il presidente della Regione, il tribunale della libertà ha respinto l’istanza di annullamento del provvedimento cautelare e di remissione in libertà avanzata dagli avvocati del governatore lucano. Ai domiciliari dallo scorso 6 luglio nell’ambito dell’inchiesta della guardia di finanza e della procura di Matera sulle raccomandazioni e sui concorsi truccati nella sanità lucana, Pittella è accusato di abuso d’ufficio e falso in concorso. Potrebbero trascorrere fino a 45 giorni prima di conoscere le motivazioni della sentenza emessa dal collegio del Riesame presieduto dal giudice Aldo Gubitosi. Nel frattempo gli avvocati si sono messi già al lavoro per impugnare la decisione davanti alla Cassazione.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”