Incidenti stradali, bollettino di guerra. Giro di vite sul consumo di alcol e droghe

POTENZA- La maggiore mobilità, ripresa dopo le restrizioni imposte dalla pandemia, ha senza dubbio inciso. Ma il dato resta allarmante se solo si considera che il numero degli incidenti stradali mortali nel 2021 risulta raddoppiato rispetto all’anno precedente. Il bilancio è stato possibile grazie all’attività dell’osservatorio sugli incidenti stradali istituito in prefettura e convocato dal prefetto Michele Campanaro. Fino al mese di novembre 2022, gli incidenti mortali in provincia di Potenza sono stati 23. L’anno scorso il numero dei morti è quasi raddoppiato di oltre l’80%.

Si è passati dagli undici decessi del 2020 ai 20 del 2021. Il dato fornito dal prefetto integra quelli contenuti nel rapporto Istat relativo al 2021, ma diffuso nel mese di novembre scorso, dal quale emergeva la criticità dell’aumento, rispetto al 2020, del 35,6 per cento sul numero totale, del raddoppio delle vittime e un incremento del 26,2 per cento dei feriti. Incidenti per la gran parte causati dall’alta velocità e da comportamenti alla guida non corretti. Ma anche dall’assunzxione da parte di chi si trova alla guida di alcol o sostanze stupefacenti. Preoccupazione è stata espressa da Campanaro al tavolo con Polizia stradale, Carabinieri, Vigili del Fuoco, Anas e Aci.

Insistere sull’educazione stradale e sul potenziamento dei controlli specie durante le feste è quanto auspicato. Affrontato da Campanaro anche il tema della sicurezza infrastrutturale. Numerose le arterie lucane ad alto rischio in molti casi per la stessa conformazione che non permette di assorbire la mole di traffico e che necessita di un ampliamento