Incidenti sul lavoro, nuovo episodio all’Ageco: 31enne rischia di perdere una gamba

TITO SCALO – Ancora un incidente grave sul lavoro nella zona industriale di Tito. Proprio come sette mesi fa, si è verificato nella stessa azienda. E’ accaduto ieri a ora di pranzo nel piazzale dell’Ageco, azienda che si occupa della separazione dei rifiuti, trattandone circa cento tonnellate al giorno. Vittima un giovane dipendente di 31 anni, residente a Savoia di Lucania. Secondo una prima ricostruzione dei fatti il ragazzo sarebbe stato investito da un macchinario imponente, impegnato in quella frazione di secondo in una manovra in retromarcia. Un “ragno mobile” impiegato per il trasporto di materiale, presumibilmente di vetro, guidato da un collega. Una volta accertato l’incidente, il giovane sarebbe stato trasportato al pronto soccorso a Potenza. Quasi sicuramente la drammatica sequenza gli costerà l’amputazione di una gamba. Nello stesso stabilimento a febbraio perse la vita un altro ragazzo, il 28enne potentino Antonio Caggianese, rimasto incastrato in un altro macchinario che si occupa della vagliatura dei rifiuti. Già in quella circostanza i sindacati avviarono una serie di mobilitazioni per chiedere più sicurezza in questi ambienti di lavoro. Ma le loro parole sarebbero rimaste inascoltate, a quanto pare.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”