22 Sep 2019
BREAKING NEWS
Home / Cronaca  / Indotto Eni, premi spariti e stipendi in ritardo. Lavoratori in sciopero

Indotto Eni, premi spariti e stipendi in ritardo. Lavoratori in sciopero

VIGGIANO- In gioco, rimarcano, c’è il futuro di tutti i lavoratori della Val d’Agri. Nell’indotto Eni si registra un clima d’alta tensione perché i sindacati non sono ancora riusciti a portare a casa l’accordo sulla contrattazione unica. Ieri mattina, intanto, a incrociare le braccia sono stati i lavoratori della Caruso e della General Construction, supportati dalle sigle sindacali Feneal, Filca e Fillea, riunitisi in assemblea permanente nei pressi del distretto meridionale dell’Eni a Viggiano, a causa del non rispetto delle norme contrattuali minime, a partire dalla regolare erogazione degli stipendi. Sono circa una quarantina le unità impiegate nell’azienda edile, suddivisa nelle due società. “È da tempo che il sindacato in maniera unitaria – ricordano i segretari Lombardi, Morello e Giorgio – ha avviato un percorso all’interno della suddetta azienda, ma purtroppo, ancora una volta, registriamo il disimpegno strutturale tenuto conto degli accordi più volte siglati con le organizzazioni sindacali”.

 

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”

di Michelangelo Russo