23 May 2019
BREAKING NEWS
Home / Cronaca  / Infrastrutture, Svimez: Basilicata segregata e poco accessibile

Infrastrutture, Svimez: Basilicata segregata e poco accessibile

POTENZA- La Basilicata è un possibile prototipo di nuovo dinamismo basato su interazione ed integrazione tra territori, un laboratorio, potenziale, quasi per nulla effettivo, di alcuni aspetti cruciali per il futuro del Paese: l’energia, la cultura, l’agroindustria di qualità, il settore manifatturiero, rappresentato soprattutto dall’automotive a Melfi ma anche dall’insediamento Telespazio proprio a Matera. Il Presidente della Svimez, Adriano Giannola, ha così sintetizzato, nella sua breve introduzione al seminario “Verso Matera 2019 Capitale europea della Cultura. Un piano di sviluppo oltre i confini della città”, che si è tenuto nel corso dell’annuale assemblea dell’Aisre, il tema del confronto. Per Giannola, la Basilicata è “una regione che rappresenta oltre il 3% del territorio nazionale ma conta meno dell’1% della popolazione, peraltro destinata a diminuire: la Basilicata è una cerniera tra Tirreno ed Adriatico, di fatto segregata e poco accessibile. Matera è senz’altro molto attraente ma al momento poco attrattiva”.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”