Invita una donna a cena, poi la picchia e la butta giù dal balcone: un 35enne arrestato per tentato omicidio

MELFI – Un uomo di 35 anni di Melfi, M. D.R. e’ stato arrestato in flagranza di reato dagli agenti della polizia della cittadina federiciana perchè gravemente indiziato di tentato omicidio. I fatti risalgono alla notte di domenica scosra, 23 gennaio, quando un equipaggio della volante è intervenuto in piazza Abele Mancini dove era stata sdegnalata la presenza di una donna, vestita solo in parte e sanguinante dalla bocca e provata dal dolore, affidata alle cure dei saniatri del 118 dell’ospedale di Melfi. Gli agenti, seguendo le prime informazioni ricevute dalla donna, si sono recati in casa di un uomo con cui aveva trascorso la serata, un sorvegliato speciale con obbligo di dimora nella cittadina federiciana. L’uomo non potendo lasciare l’abitazione aveva organizzato una cena nella sua casa con lei ed altre persone. Nel corso della notte, dopo aver assunto droga, l’uomo avebbe insultato e inveito contro la donna, picchiandola e infine scaraventandola giàù dal balcone, in pratica facendole fare in volo di 5-6 metri. All’arrivo dei poliziotti il sorvegliato speciale ha cercato di ostacolarne l’intervento aizzando contro di loro il suo pitbull. L’uomo aveva anche “ripulito” la casa, “inquinando” la scena e mettendo in lavatrice i vestiti dellla donna. Grazie alla Scientifica è stato possibile effettuare i rilievi che hanno delineato il fatto delittuoso e al gravità giudiziaria sul conto dell’uomo, tradotto in carcere. L’arresto è stato convalidato dal gip.