La fabbrica delle multe sulla 407 Basentana stritola Vaglio, cittadini disperati

VAGLIO- Ad averlo installato sulla statale 407 Basentana è stata la polizia municipale di Potenza, dunque l’amministrazione comunle Guarente. Ma a farne le spese quotidianamente, oltre naturalmente ai potentini e a quanti si recano nel capoluogo di regione, sono soprattutto i cittadini che risiedono a Vaglio. “Siamo alla disperazione” si legge nella lettera inviata a Regione, Prefettura, Provincia, Anas e allo stesso sindaco di Potenza da Francesco Santopietro, capo gruppo consiliare “Vaglio in Movimento”. Non si placa dunque la polemica relativa all’installazione dell’autovelox sulla statale 407 Basentana all’ingresso della città. Della questione ce ne siamo occupati in precedenza su sollecitazione del consigliere comunale Francesco Giuzio (Basilicata Possibile) il quale, allo stesso modo, si era fatto carico delle istanze degli automobilisti potentini. Sulla scorta dei dati ufficiosi recuperati presso gli uffici della polizia locale, Giuzio era risalito ad un numero, senza dubbio, vertiginoso di verbali elevati in un solo mese, ossia tra il 5 agosto e il 5 settembre: quasi 22mila sanzioni per un importo complessivo di circa 3 milioni di euro e una media di 130 euro a multa.

Circa 2mila violazioni riguardavano il superamento del limite di 70 km orari di oltre 40 km. Tra i multati vi sono anche i residenti nel comune di Vaglio, che si sono visti recapitare raffiche di sanzioni. «Sono stati penalizzati – spiega Santopietro – i nostri concittadini che si spostavano per andare a curarsi, o per lavorare e che dunque procedevano a velocità di poco sopra il limite consentito di 70 chilometri orari. Una cosa è certa, l’attività volta a far rispettare il codice della strada deve essere sempre volta a educare e prevenire possibili infrazioni e non a punire, altrimenti si potrebbe dare l’idea di voler fare esclusivamente cassa, minando quel rapporto di fiducia con chi vive o semplicemente attraversa il Comune di Potenza. Pertanto – continua il consigliere Santopietro – chiediamo al presidente Vito Bardi, a quello della Provincia di Potenza Christian Giordano, al prefetto Michele Campanaro, al responsabile della Rete Anas e al sindaco di Potenza, di mettersi seduti attorno a un tavolo e fare in modo di trovare delle soluzioni. Vi invitiamo a riflettere su diverse testimonianze di cittadini, non solo di Vaglio Basilicata ma di tanti comuni lato Sud di Potenza, che giornalmente devono recarsi nel capoluogo sia per lavoro sia per curarsi o per altro e che si sono visti recapitare centinaia di multe perché andavano a 74, 75 o 77 chilometri all’ora. Cittadini alle prese con le difficoltà del momento e personali, per questo crediamo che le Istituzioni debbano trovare soluzioni eque e in linea con le disposizioni di legge».