Lauria, scenari di mafia sull’uccisione del camionista

POTENZA – Ad oltre vent’anni di distanza, la Dda di Potenza apre nuovi scenari sull’omicidio di Carmelo Martino Rizzo, l’autotrasportatore di 27 anni freddato il 4 maggio del 1999 a Lauria, in una piazzola di sosta lungo il tratto lucano dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria, mentre si trovava all’interno della cabina del suo camion.

La procura distrettuale antimafia del capoluogo lucano, infatti, grazie alle dichiarazioni di quattro collaboratori di giustizia, ha aperto una nuova pista ”mafiosa” sul delitto che sarebbe stato ordinato dai vertici della famiglia siciliana dei ”barcellonesi”. La vittima era originaria proprio di Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina. In quattro rischiano ora il rinvio a giudizio: Salvatore Di Salvo, 54 anni; Giovanni Rao, 58 anni; Carmelo D’Amico, 48 anni (attuale collaboratore di giustizia) e Basilio Condipodero, 45 anni.

Approfondimenti sull’edizione cartacea de “La Nuova del Sud”